Resurrecting QBell 39″ LCD LED TV as VGA display using an MT6820 board

IMG_20140529_215445

I’ve got that TV to be trashed, because after some hours it won’t turn on anymore, first thing i’ve checked is the power supply which was fine.
The original board is labeled “T.MSD309.B21B”, and apparently it is a chinese universal LVDS LCD driver board.

So i’ve checked on ebay and that board is available , but it costs a lot of money ( 80+ € excl. shipping ) , and since the old one broke almost in new condition, and i’m pretty sure it is software-broken, it’s reasonable to think that the board is flawed and it will break again and again.
Also i couldn’t be sure that the panel was in working condition , so 100 € is too much risky considering that and what said above.

I’ve choosen then, to use an MT6820 board which can be bought from ebay for as low as 6€, it has only VGA input , but it is fine for what i want to use that LCD for.

This board has various options to support most LCD panels, so i’ve tried all of them, and the one that is closest to perfection is the no. 1.
But it isn’t perfect, you will get swapped columns.
While going through various LVDS pinouts i’ve noticed that a group of signals is marked “EVEN” and another group “ODD”, since the number of pixels horizontally is even, it clearly appears to be caused by swapped EVEN and ODD connections.

The glitch caused by swapped EVEN and ODD

When swapping the signals according to the MT6820 pinout, i was very tired and screwed up all the ordering , so i had to find again the correct pinout.
Since the Part.NO of the panel gives 0 results on google , literally, i’ve spotted the lvds controller board chip manufacter on the panel , which is “CMO” , CMO stands for ChiMei Optoelectronics, but it does not longer exist , however , after some more hard search , i’ve figured out that it has been acquired by Innolux, and then i’ve picked the first datasheet of a LED backlit panel 39 inches wide.

After having the right pinout i’ve reassembled the cable and i’ve got to the starting point where columns were swapped.

So the next day, after some rest , i’ve tried again to swap the connections , and it finally works.

Now let get deeper into the details, if you order an MT6820 , you will likely get an LVDS cable that is useless for our work, and a button board that we need instead.

The button board must be connected with the supplied cable even if the pin count does not match, that is because K5 and K6 on the input side are unused.
Make sure that the other input pins and led pins match on the button board.

On the QBell LVDS cable you have to swap all the EVEN pins with ODD pins, to do that , do not cut the wires or do some s**t like that , instead just use some thin object like a needle to extract the contacts from the plastic of the connector on the MT6820 side and swap them all.

Now that you have ( hopefully ) correct LVDS connection, you need to do one more thing , the MT6820 supports only 3.3V and 5V panel , instead at least on this QBell , the panel voltage is 12V , so you have to cut the Red wires ( pins 1,2,3 ) and connect them with the +12V from the power supply( you can see output voltages from the PCB of the power supply , since they are labeled ).

The backlight is not electrically compatible with the MT6820 so you have to just connect both BLON and ADJ pins of the power supply to +5VSB .
The +5V of the MT6820 instead has to be connected on the +5V of the power supply.
To make the power supply power on as soon you plug the TV to the outlet, connect PSON and +5VSB together.

The MT6820 board “installed”

If nothing is wrong you should see “No signal” written in chinese and it should work correctly as a regular PC VGA display.

LCD Panel pinout

LCD Panel pinout
MT6820 pinout

[AVANZATO] Installare OpenWRT sul router DSL2740B Revisione A1 , Utile anche per debrick

Selezione_146

Premetto subito che le informazioni qui riportate sono per chi ha già una buona esperienza.
Altra premessa è il fatto che non è detto che si possa far ritornare il router al suo stato di fabbrica dopo le modifiche descritte in questo articolo, se si vuole avere un punto di ripristino, eseguire prima di flashmem

readmem 0x1f000000 0x20000 /percorso/al/file/di/backup

Questo comando salva i primi 128kb della memoria flash, che comprendono la nvram ed il cfe della D-Link

Per eseguire l’installazione di OpenWRT è necessario come prima cosa sostituire il bootloader, per fare ciò è necessario utilizzare la porta JTAG , che contrariamente a quanto riportato dalla maggior parte degli articoli che trattano questo router, è presente.

La porta JTAG è accessibile sulle piazzole con le seguenti etichette

Testpoint JTAG
TP_DG2 GND
TP25 TDI
TP26 TDO
TP27 TMS
TP28 TCK
Per eseguire il collegamento tramite JTAG è possibile utilizzare un cavo DLC5 sulla porta parallela come descritto qui http://wiki.openwrt.org/doc/hardware/port.jtag.cable.unbuffered , oppure un adattatore Altera USB Blaster , di quest’ultimo anche un clone cinese va bene.
Per programmare la memoria flash , il programma che mi ha funzionato senza problemi è urjtag (http://urjtag.org), di questo programma non va utilizzata la versione 0.10 ,  ma la versione SVN
Una volta eseguiti tutti i collegamenti ed avviato urjtag come root da riga di comando digitando “jtag”, è necessario specificare che tipo di cavo si usa, nel caso della porta parallela

cable parallel 0x378 DLC5

mentre nel caso di Altera USB Blaster
cable usbblaster
Poi è necessario identificare il processore, per fare ciò, digitare detect
Dovrebbe apparire un output simile:
jtag> detect
IR length: 5
Chain length: 1
Device Id: 00000110001101011000000101111111 (0x0635817F)
  Manufacturer: Broadcom (0x17F)
  Part(0):      BCM6358 (0x6358)
  Stepping:     V1
  Filename:     /usr/share/urjtag/broadcom/bcm6358/bcm6358
Se dovesse comparire come device Id una stringa di 0 , oppure altri errori , come TDO seems to be stuck at , o roba simile, ricontrollare i collegamenti e che il router sia acceso.
Poi è necessario inizializzare EJTAG in modalità DMA , per fare ciò:
jtag> initbus ejtag_dma 
ImpCode=00000000100000011000100100000100
EJTAG version: <= 2.0
EJTAG Implementation flags: R4k MIPS16 DMA MIPS32
Clear memory protection bit in DCR
Clear Watchdog
Potential flash base address: [0x0], [0x1f00008c]
Processor successfully switched in debug mode.
jtag>
Se dovesse bloccarsi urjtag in questo passo oppure dovesse dire che non riesce a mettere in modalità debug il processore, ritentare e se il problema persiste , provare ad entrare nel prompt CFE utilizzando la porta seriale e ritentare da capo la parte inerente ad urjtag.
È di fondamentale importanza , essendo JTAG stateful , che quando qualcosa vada storto o si vuole ricominciare , sia chiuso e riaperto urjtag e spento e riacceso il router.

Una volta inizializzato EJTAG , si può passare ad inizializzare la flash CFI con il seguente comando

jtag> detectflash 0x1f000000

Dovrebbero essere restituite tutte le informazioni sulla memoria flash , in caso contrario , ritentare più volte e se continua a non funzionare , chiedere aiuto nei commenti di questo post
Un altro passo fondamentale è eseguire il comando
jtag> endian big
Questo comando, imposta che anche il file è bigendian come il processore e quindi urjtag non andrà ad invertire le word
Se tutto è andato a buon fine , si è pronti a scrivere il nuovo CFE sulla memoria flash, per fare ciò , va innanzitutto scaricato il nuovo CFE https://drive.google.com/file/d/0B5uKF4o3fPSWYzZya2paWWdOd2c/edit?usp=sharing e poi va scritto sulla memoria flash con il comando flashmem come segue:
flashmem 0x1f000000 /percorso/completo/a/cfe6358.bin
Se tutto è corretto inizierà a cancellare e programmare i settori della memoria flash con i contenuti del file, una voltè che è completata la procedura , e la fase di verifica non ha dato errori, si è pronti a riavviare il router e tramite la porta seriale configurare i parametri della scheda
Verranno chiesti alcuni parametri come segue:
*** Board is not initialized properly ***

Press:  <enter> to use current value
       ‘-‘ to go previous parameter
       ‘.’ to clear the current value
       ‘x’ to exit this command
Board Id Name (0-4)
96358VW          ——-  0
96358VW-16       ——-  1
96358GW          ——-  2
96358GW-16       ——-  3
96358M           ——-  4       :  0
Number of MAC Addresses (1-32)    :  0  4
Base MAC Address                  :  24:0a:64:xx:xx:xx
Press any key to reset the board:
Sostituire ovviamente le xx del mac address con dei codici esadecimali validi e che non siano un indirizzo di broadcast.
È possibile anche modificare i primi 3 byte del mac address, quelli che ho messo io sono del produttore della mia scheda madre ( ASUS ).
Il reset della scheda al termine dell’operazione non è detto che funzionerà , in tal caso trascorsi almeno 5 secondi , rimuovere e riapplicare l’alimentazione
Una volta completato questo passo, rientrando nuovamente nel prompt del CFE , dovrebbero essersi abilitate le porte ethernet con indirizzo ip 192.168.1.1.
Openwrt deve essere scaricato da http://downloads.openwrt.org/attitude_adjustment/12.09/brcm63xx/generic/openwrt-96358VW-generic-squashfs-cfe.bin o nel caso questa versione sia vecchia in futuro , scaricare comunque una versione che sia squahfs e sia 96358VW.
Una volta scaricato openwrt , connettere il PC con un cavo ethernet allo switch del router, e visitare la pagina http://192.168.1.1
In questa pagina , non serve fare altro che selezionare il file precedentemente scaricato e dare OK, in pochi minuti dovrebbe avviarsi il router con openwrt.

Oltre al modem ADSL che come su tutti i router brcm63xx a causa del fatto che broadcom non rilascia la documentazione. non funziona , potrebbe non funzionare anche la scheda wireless essendo anche essa broadcom, in questo caso, è necessario procurarsi una scheda ath5k od una scheda ath9k minipci ed installarla al posto della broadcom.
Installando una scheda atheros, è possibile utilizzare questo router come access point multi-ssid e multi-vlan ( cose fattibili solo con Cisco che costano minimo 150 € ), ed è possibile anche lavorare sulla banda 5 ghz , quindi utilizzare il router come semplice access point 802.11a oppure utilizzarlo per connettersi ad una rete outdoor 5 ghz , come quella di ninux.org.
Preciso un’ultima cosa inoltre, questa guida probabilmente è applicabile anche ad altri router basati su chip bcm6358 anche se non sono dichiarati compatibili con openwrt ( neanche questo lo è )